martedì 30 aprile 2013

Incontro di aprile con le erbe spontanee

Riprende il bel tempo e riprendono gli incontri all’aperto in quel del Boscat! E visto che in questo periodo la natura ci offre tante erbe spontanee, Tamara ha proposto come tema dell’incontro proprio questo. Io ho portato a casa più erbe di quante ne abbia cucinate per l’incontro, felice e contenta sperando di tenerle in vita in casa …

Ma veniamo al menù, ricco come sempre:
Palline di ricotta di soia e ortiche ai semi di Tamara.
Hummus con cren, achillea, menta e origano di Tamara e rotolini di affettato di seitan con crema di funghi e con crema alle olive di Daniela.
Chutney di mele di Eva e piselli alla menta di Elena.
Salsa di tofu e melissa e salsa di patate e erba cipollina di Elena, panino al latte di soia con ricotta di soia affumicata, acetosa e alliaria di Tamara.
Pane di grano duro e pane di segale con semi di sesamo, zucca, girasole, lino e papavero di Tamara, la mia focaccia di miglio e ceci con verdure, pane pomodori secchi, semi, frutta secca e tante altre cose di Mario.
Insalata di kamut, quinoa e verdure di Alessandra, chili con seitan di Daniela, veg-cheesecake di tofu e sclopit di Eva e il mio polpettone di prosciutto vegan ripieno di scamorza di mandorle con alloro.
Caffè con panna di soia, i miei cupcake all’arancia, semi di papavero e melissa con panna di soia e platano, la torta di porcini … ops volevo dire di pesche, lavanda e panna di Eva ^_* e i dolcetti di tarassaco di Tamara.
Il tutto allietato dal vinello buono, da liquori e tisane digestive.

La passeggiata di fine giornata mi ha fruttato un bel po’ di potentilla, achillea e finocchio selvatico e tante piantuzze di Tamara (sperando che sopravvivano … ).

Grazie a tutti per la bella giornata e soprattutto ai padroni di casa, Tamara e Rodrigo, sempre molto gentili ed ospitali: vi adoro!!! ♥♥♥

lunedì 29 aprile 2013

Plumcake variegato

Sono rimasta un po’ ferma con il blog, ho avuto molti impegni in questo periodo, ho voglia di rimettermi all’opera! Ieri un meraviglioso incontro con tema le erbe spontanee, domani ve ne parlo, per ora questo morbido plumcake ai due gusti.

Ingredienti
- 200g di farina 2
- 60g di olio di arachidi
- ½ banana
- 120g di zucchero dulcita o muscodabo
- 9g di lievito
- sale
- 180ml di latte di mandorle
- 2C di cacao

Schiacciate la banana e mescolatela all’olio, allo zucchero e ad un pizzico di sale. Aggiungete la farina e il lievito, quindi versate lentamente il latte incorporando bene tutti gli ingredienti rendendo fluido il composto. A questo punto dividete in due l’impasto mettendone la seconda parte in un’altra ciotola. In una ciotola mettete l’okara di mandorle, nell’altra il cacao e mescolate bene.
Ora prendete della carta da forno, bagnatela, strizzatela e mettetela in una forma da plumcake. Versate delle cucchiaiate di composto alternando quello alle mandorle a quello al cacao. Infornate a 170-180° per 30-35 minuti ma controllate la cottura sempre con uno stecchino.

martedì 23 aprile 2013

Golosità Vegane su Radio Capodistria – Puntata 13 – Crêpes asparagi e ricotta di soia


video
Se non ce l’avete fatta ad ascoltarla in radio eccovi la tredicesima puntata di Golosità Vegane su Radio Capodistria.

Oggi si fanno le crêpes vegane con gli asparagi e la ricotta di soia (di cui abbiamo già parlato nell’ottava puntata)! ^_^

Come sempre vi chiedo di aiutarmi a crescere facendomi sapere che ne pensate … avete dei consigli? Cosa posso fare meglio? Grazie mille! ^_^

Novità
La puntata va in contemporanea su Radio Capodistria e su TeleCapodistria, puoi vederla sul web a questo indirizzo:


Vi ricordo ogni martedì alle 10.05 Golosità Vegane, collegatevi e poi mandatemi i vostri pareri!!! ^_^


Potete ascoltare Radio Capodistria nei seguenti modi:

Trasmissioni terrestri
Onde Medie  1170 Khz pari a metri 256,4
Modulazione di Frequenza: 97.7 – 103.1 – 103.6 Mhz Stereo RDS
Area servizio: Friuli Venezia Giulia, veneto, Istria, regione dell'alto e medio Adriatico. Durante le ore notturne grazie al fenomeno della propogazione delle onde herziane l'area del servizio si estende alle altre regioni del nord e centro Italia.

Satellite
Se possiedi un'antenna parabolica puntata sul satellite HOTBIRD il transponder è 12303 V sul pid audio 254 (trasmissioni in chiaro)
Area servizio : Europa

Web
Su internet puoi cliccare sulla nostra home page
clicca su »ascolta live«
sulla barra grigia clicca su "Nastavitve"
si apre Menù a discesa.
scegli "Nizka" e poi "Potrdite izbiro".

domenica 21 aprile 2013

Lenticchie e carciofi

È ritornato un po’ di brutto tempo … qui a Trieste ha fatto giusto qualche goccia, vedremo nei prossimi giorni, comunque ormai la primavera è nostra! ^_*

Una ricettina invernale? Sembra in effetti, così approfitto del tempo prima di passare completamente a piatti freschi e leggeri, adatti alla stagione.

Quest’anno ho comprato moltissimi carciofi e mi sono dilettata a prepararli in molti modi diversi, anche se i migliori resteranno sempre quelli fritti che mi faceva mamma! Io non li faccio quasi mai così, anzi, spesso li faccio crudi con gli agrumi (come per esempio i Carpaccio di carciofi e pompelmo rosa), questa volta ho voluto provare un piatto unico, verdure, legumi e carboidrati, un piatto perfetto! ^_*

Ingredienti per 2 persone
- 150g di lenticchie
- 2 carciofi
- 1 carota
- 1 patata
- 1 scalogno
- 1 cipolla
- 2 spicchi d’aglio
- olio evo
- sale
- pepe
- noce moscata
- miso

Mettete in abbondante acqua le lenticchie con la cipolla e lo scalogno tagliati fini, la carota e la patata tagliati a cubetti e l’aglio. Cucinate per un quarto d’ora quindi aggiungete i carciofi puliti e tagliati a fettine ed un cucchiaino di miso.

Cucinate per una decina di minuti, verificate la cottura, aggiungete tutte le spezie e lasciate riposare per un po’ per assestarsi e per prendere bene tutti i sapori.

Se volete che i carciofi restino più croccanti aggiungeteli dopo 20-25 minuti dalla cottura delle lenticchie e cucinate per 5-6 minuti.

Al momento di impiattare aggiungete l’olio a crudo e accompagnate con delle fette di pane tostato (io ho usato un pane fatto con questa ricetta, tagliato a fette e scaldato in padella).

venerdì 19 aprile 2013

Frullato hot-energy

analcolico, banane, Bevande, cacao, frullato, latte di mandorle, peperoncino, ricette vegan,
Questo è uno dei frullati che preferisco in assoluto, corposo, piccante, che da tanta energia! Ogni tanto mi prendono le voglie a metà pomeriggio e vado con questa delizia, molto nutriente! ^_*

Ingredienti
- 1 banana
- 1C di cacao
- peperoncino
- 300ml di latte di mandorle autoprodotto

Non serve spiegare come fare, vero? Basta frullare tutto insieme. Guduriaaaaaaaaaaa!
analcolico, banane, Bevande, cacao, frullato, latte di mandorle, peperoncino, ricette vegan,

lunedì 15 aprile 2013

Gnocchi di zucca al tartufo ripieni

È arrivata la primavera finalmente!!! Questi tre giorni di sole mi hanno messo una gioia incredibile, adoro la primavera, le sue temperature, i colori, l’aria frizzante, il tempo pazzerello, il sole dopo il tanto freddo … la mia stagione preferita! ^_^

La zucca è in conclusione, c’è giusto qualche rimasuglio, l’avevo presa per fare l’uovo finto per il casatiello a Pasquetta, poi me ne sono dimenticata … così l’ho utilizzata per queste delizie, usando l’altro tartufo ricevuto in regalo a Natale (l’altra ricetta con i tartufi le crêpes).

Ingredienti
- zucca
- farina 2
- panna di soia
- ½ tartufo
- olio al tartufo
- sale
- aglio in polvere
- olio evo

Per prima cosa preparate la mozzarella di mandorle (va bene anche la mozzarella vegan classica), abbastanza compatta, così si può usare come ripieno.

Fate gli gnocchi di zucca usando solo zucca, farina, acqua e sale. Non mettete troppa farina altrimenti vi escono duretti.

Prendete una parte del composto, fate una pallina, premete al centro per ricavarne uno spazio dove mettere un pezzetto di mozza, chiudete bene.
Tuffate gli gnocchi in acqua bollente salata, state solo attenti che se gli gnocchi sono troppo morbidi, per non rovinarli, conviene tenere la fiamma non al massimo.

Intanto che gli gnocchi cuociono mettete un filo d’olio in padella con la panna e l’aglio, amalgamate bene, se volete aggiungete anche due gocce di olio all’aroma di tartufo.

Scolate gli gnocchi con una schiumarola, metteteli in padella e fateli rotolare per prendere bene il sughetto, servite con del gomasio.


venerdì 12 aprile 2013

Golosità Vegane su Radio Capodistria – Puntata 12 – Seitan

video

Se non ce l’avete fatta ad ascoltarla in radio eccovi la dodicesima puntata di Golosità Vegane su Radio Capodistria.

Si parla del seitan, come farlo a partire dall’instant seitan, per preparare dei secondi proteici per sostituire egregiamente la carne. La ricetta la trovate già pubblicata nel blog qui! ^_^

Come sempre vi chiedo di aiutarmi a crescere facendomi sapere che ne pensate … avete dei consigli? Cosa posso fare meglio? Grazie mille! ^_^


Vi ricordo ogni martedì alle 10.00 Golosità Vegane, collegatevi e poi mandatemi i vostri pareri!!! ^_^


Potete ascoltare Radio Capodistria nei seguenti modi:

Trasmissioni terrestri
Onde Medie  1170 Khz pari a metri 256,4
Modulazione di Frequenza: 97.7 – 103.1 – 103.6 Mhz Stereo RDS
Area servizio: Friuli Venezia Giulia, veneto, Istria, regione dell'alto e medio Adriatico. Durante le ore notturne grazie al fenomeno della propogazione delle onde herziane l'area del servizio si estende alle altre regioni del nord e centro Italia.

Satellite
Se possiedi un'antenna parabolica puntata sul satellite HOTBIRD il transponder è 12303 V sul pid audio 254 (trasmissioni in chiaro)
Area servizio : Europa

Web
Su internet puoi cliccare sulla nostra home page
clicca su »ascolta live«
sulla barra grigia clicca su "Nastavitve"
si apre Menù a discesa.
scegli "Nizka" e poi "Potrdite izbiro".

sabato 6 aprile 2013

Cupcake finto uovo

Per festeggiare Pasquetta ho preparato dei dolcetti molto carini a forma di uovo all’occhio, per dare un effetto scenico e rendere simpatico un dolce semplice ma gustoso. Non vi darò però la ricetta della base, se avete letto il post su Pasqua e Pasquetta sapete che ho dovuto usare la farina di grano duro per farla che mi ha un po’ scombussolato e quindi non sono soddisfatta del risultato. Quindi per la base fate un qualsiasi impasto per torta (potete usare questa ricetta per esempio), io ho voluto usare il cioccolato per dare un contrasto di colori. Ecco quindi come assemblare il dolce

Ingredienti
- cupcake al cioccolato
- vegrino semplice
- datteri
- pesche sciroppate
- sale

Preparate il vegrino facendo colare lo yogurt per diversi giorni.

Prendete dei datteri e lasciateli per alcuni giorni in un bicchiere coperti di semplice acqua a rilasciare tutta la dolcezza. Quando il vegrino è pronto aggiungete un pizzico di sale e addolcitelo con lo sciroppo derivante dai datteri immersi nell’acqua.
Verificate che i cupcake non siano a cupola, altrimenti tagliateli in orizzontale per creare una base piatta dove appoggiare il nostro finto uovo.

Coprite ogni cupcake di vegrino e sopra mettete una pesca sciroppata ritagliata (ogni ½ pesca ho fatto 2 finti tuorli, forse se trovate le albicocche sciroppate non serve ritagliarle perché sono della grandezza giusta) ed il gioco è fatto. D’effetto e simpatici, vero? ^_^



Se vuoi contribuire anche tu con una ricetta pasquale alla raccolta Buona Pasqua Vegan puoi ancora farlo entro domani! ^_^



venerdì 5 aprile 2013

Cioccolatini ripieni di Cactus Opunzia

Semplicissimi e superbuoni!!! Ho comprato le formine a forma di uovo di Pasqua in silicone, vengono molto carini, vero? Io li ho fatti per Pasquetta ma sono anche un ottimo modo per recuperare tutto il cioccolato delle uova pasquali ricevute!

La marmellata l’ho presa lo scorso anno ad una fiera bio a Trieste, aspettavo un’occasione speciale per aprirla, è molto particolare e molto buona, è fatta con i fichi rossi del cactus di Opunzia.

Ingredienti per 20 cioccolatini
- 400g di cioccolato fondente
- marmellata di cactus

Io avevo le formine da 10 cioccolatini ciascuno, quindi ho fatto 2 volte le forme, usando quindi 200g ogni 10 cioccolatini.
Sciogliete a bagnomaria 100g di cioccolato, versatelo nelle formine (circa 1 cucchiaino a formina, scuotete le formine fino a “sporcarle” in tutti i loro bordi e lasciate raffreddare. Se avete tempo meglio non mettere il cioccolato in frigo (non ama il freddo), altrimenti basteranno 20 minuti per raffreddare il tutto. Quando si è raffreddato mettete in ogni ovetto un cucchiaino di marmellata, quindi sciogliete altri 100g di cioccolato e versatelo sopra facendo attenzione a non far uscire il ripieno. Mettete ancora a raffreddare per qualche ora, quindi estraeteli con delicatezza dalle formine. Ripetete con il restante cioccolato per fare altri 10 cioccolatini.



Se vuoi contribuire anche tu con una ricetta pasquale alla raccolta Buona Pasqua Vegan puoi ancora farlo, mancano pochi giorni! ^_^

Colomba di Tamara – Buona Pasqua Vegan

Tamara ci manda un'altra ricetta meravigliosa, una colomba con una crosta deliziosa (e io l'ho anche assaggiata!!!)

Per due colombe da 750 gr

Primo impasto
100 gr di pasta madre o un cucchiaino di lievito di birra
200 gr di manitoba
300 gr di farina di tipo 1
250 ml di acqua
1 cucchiaino di malto in polvere

Impastate bene tutti gli ingredienti e lasciate lievitare al calduccio per una notte.

Secondo impasto
200 gr di farina di tipo 1
200 ml di latte di soia alla vaniglia
80 gr di burro di soia sciolto a bagnomaria
80 gr di zucchero di canna
il succo e la buccia grattugiata di un'arancia
2 cucchiaini di sale
1 cucchiaino di cannella in polvere
50 gr di arancia candita
100 gr di uvetta ammollata e strizzata

La mattina dopo aggiungete pian piano gli ingredienti al primo impasto e lavorate bene fino a ottenere una pasta morbida e omogenea. Ponetela in un recipiente abbastanza grande e lasciatela lievitare in un posto tranquillo e riparato fino al pomeriggio (dovrebbe raddoppiare abbondantemente il suo volume in circa 8 ore).
A questo punto riprendente l'impasto, sgonfiatelo e versatelo negli stampi appositi: vedrete che con la lievitazione sarà diventato più morbido e meno solido. Fate lievitare le colombe ancora per un'oretta tenendole nel forno spento, ma con la lucetta accesa e una ciotolina d'acqua calda sul fondo del forno (questo stratagemma permette che si formi all'interno della camera del forno il microclima ideale per l'ultima lievitazione).

Nel frattempo preparate la copertura con i seguenti ingredienti:
- 100 gr di mandorle
- 3 cucchiai di zucchero di canna
- 2 cucchiai di "uovo" di lino (bollite i semi di lino in acqua per cinque minuti, scolate il gel in eccesso e frullate bene i semi, questo preparato si conserva circa una settimana in frigo in un contenitore ben chiuso, il gel potete usarlo come un vero e proprio gel per capelli)
- 3 cucchiai di rum
- 2/3 cucchiai di acqua

Frullate molto bene le mandorle con lo zucchero fino a che non iniziano ad attaccarsi alle pareti del frullatore, trasferitele in una ciotola e aggiungete i semi di lino frullati, il rum e l'acqua sufficiente a ottenere una crema piuttosto fluida (non liquida, però) e ben spalmabile.

Togliete le colombe dal forno e accendetelo a 125°.
Distribuite uniformemente la copertura sulle colombe e decoratele con mandorle intere e granella di zucchero.
Appena il forno è caldo infornatele e lasciatele a questa temperatura per 20 minuti. Aumentate la temperatura a 150° e mantenetela per altri 20 minuti. Aumentate ancora a 175° e terminate la cottura per altri 20 minuti. I tempi di cottura possono variare da forno a forno.
Sfornate le colombe e lasciate raffreddare su una gratella prima di tagliarle.


Se vuoi contribuire anche tu con una ricetta pasquale alla raccolta Buona Pasqua Vegan puoi ancora farlo, mancano pochi giorni! ^_^

giovedì 4 aprile 2013

Pasqua e Pasquetta

Eccoci qui, come avete passato le due giornate di festa? Avete cucinato? Io ho cucinato molto anche se con poca soddisfazione … eh già, questa volta le cose non sono andate molto bene. Una congiunzione di eventi e di situazioni che si sono coalizzati contro di me creando un caos culinario!

Per queste feste avevo pensato a preparare pinze per tutti, pinze mignon da 100g ma per tante tante persone e sapete che uso sempre il licoli come lievito che prevede una preparazione lenta e che mi piace fare le cose fresche, quindi cucino fino all’ultimo minuto per evitare che il cibo diventi fiappo o duro. Comunque tra le tante cose successe non ho trovato la farina (tutti a far pinze!) e ho dovuto arrangiarmi con quella che avevo (farro integrale) e, per fare il casatiello vegan, ho usato la semola di grano duro … uff forse è questo che mi ha innervosito o forse il fatto che temevo che i miei familiari non avrebbero apprezzato il mio cibo, ma non ho reso un granché.

Pranzo di Pasqua: wurstel in sfoglia, pasta di riso nero al ragù di soia (pennette di grano duro al pomodoro per mio nipote), affettato di seitan (comprato, era esaurito anche l’instant seitan), farfrittata di pomodorini secchi, pizza con i fiori, purè di spinaci, crauti, patate al forno, tiramisù del recupero. Vabbè non mi è riuscito bene quasi nulla, a mio nipote non è piaciuta nemmeno la pasta al pomodoro (che invece mi era venuto bene!!!) ed ha tirato fuori un panino al prosciutto (!!!) ma almeno è stato divertente stare insieme … cmq troppo stress! -_-
Passiamo a Pasquetta, l'incontro con i miei amici veg: io ho fatto le pinze, dei dolcetti con un finto uovo, un casatiello riuscito male (mi sono dimenticata pure di fare le finte uova), dei cioccolatini gustosi. Uff … che fastidio quando le cose non vanno come vorresti, per fortuna che la compagnia è sempre super, ci siamo divertiti e siamo stati benissimo!

Minimuffin alle erbe spontanee
Carote viola
Salsa al tofu e tartufo bianco
Crostini con salse all’avocado, alle olive, alle erbe spontanee, con germogli alfa alfa, viole e primule
Linguine al pesto di erba cipollina
Melanzane
Agretti, peperoni e farfrittata alle erbe spontanee
Farfrittata con il buco … ^_^
Il finto casatiello
Strudel con no-muh
Sorbetto alle pesche con vino
Crostata
Strudel
Assenzio

Ora pubblico le nuove ricette per la raccolta pasquale Buona Pasqua Vegan! E voi avete fotografato il pranzo vegan? Dai mandate le ricette!!! ^_^


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...