martedì 28 maggio 2013

Crostata di ciliegie

Sono giorni molto intensi, tantissimi impegni, tante belle cose … il mondo mi sorride ed io sorrido al mondo! ^_*

Sono talmente presa che andavo tranquilla nel postare ricette con le erbe spontanee che stavo per far passare questo meraviglioso contest organizzato da Cristina: crostate!!! Mi piacciono moltissimo le crostate anche se non ne faccio molte e, visto che qualche settimana fa è andata in onda su Radio Capodistria la ricetta della crostata di ciliegie che ancora non avevo postato, ho preso la palla al balzo ed ho unito le due cose … eccomi quindi con la crostata rossa rossa, con le splendide ciliegie … ma non sono bellissime? ^_^

Ingredienti per la frolla
- 200g di farina semi integrale
- 35g di mandorle
- 55g di mosto saporito di olive
- 50g di zucchero muscovado
- ½ c di bicarbonato
- un pizzico di sale
- noce moscata
- latte di miglio aromatizzato alla vaniglia

Mescolate l’olio con lo zucchero, aggiungete la farina, le mandorle frullate fino a farle diventare farina, il sale, il bicarbonato e la noce moscata, mescolate bene, quindi aggiungete un po’ di latte vegetale fino ad ottenere un composto modellabile ma non appiccicaticcio. Avvolgetelo nella pellicola e mettetelo in frigo per una mezz’oretta.
Quindi stendetelo con il mattarello ed adagiatelo in uno stampo da torte dove avete messo della carta forno bagnata e strizzata. Stendetelo bene anche nei bordi, bucherellatelo con la forchetta, stendete sopra altra carta forno bagnata e strizzata e ricoprite tutto con dei fagioli per non far salire il composto in modo disomogeneo. Cucinate in forno già caldo a 180° per 20 minuti, poi lasciate un paio di minuti a forno spento, fuori dallo stampo, per asciugarsi, quindi fate raffreddare. Ricordo che il tempo di cottura dipende anche dalla grandezza della torta e dallo spessore della frolla, quindi verificate sempre.

Ingredienti per la crema pasticcera
- 15g di mosto saporito di olive
- 20g di farina semi integrale
- 45g di zucchero muscovado
- 200g di latte di miglio aromatizzato alla vaniglia
- 50g di succo di rapa rossa

Mescolate bene olio, farina e zucchero, quindi aggiungete piano il latte vegetale fino ad ottenere un composto senza grumi, aggiungete il succo di rapa e mettete sul fuoco, portate a bollore a fuoco medio, fate cucinare per un paio di minuti, si sarà addensato, quindi versate sulla crostata raffreddata e lasciate raffreddare.
Ingredienti per le ciliegie
- ciliegie
- 1C di zucchero muscovado
- succo di ½ limone
- acqua

Potete denocciolare le ciliegie o lasciarle con il nocciolo così non si deformano, lavatele e mettetele in una padella con zucchero, limone ed un goccio d’acqua, fate andare a fuoco medio per qualche minuto, fino a che tutta l’acqua si sarà ritirata e le ciliegie ammorbidite.
Quando la crostata con la crema sarà fredda adagiate le ciliegie sopra, se c’è ancora del sughetto delle ciliegie versatelo sopra, aspettate che si raffreddi completamente, magari mettetela anche in frigo. Già così è perfetta, le ciliegie lucide e belle, ma se volete potete anche aggiungere della gelatina semplicemente sciogliendo dell’acqua zuccherata o del succo di rape con un po’ di agar agar, scaldate, versate sopra e fate raffreddare in frigo. ^_^

Mi volete aiutare a vincere? Fino al 2 giugno avete tempo per votare su Facebook la mia ricetta, dai, dai aiutatemi che ci sono bellissimi premi! ^_^



lunedì 27 maggio 2013

Panino farfrittata ai fiori di zucchina e birra

Mi è piaciuta talmente la Farfrittata con la birra che ho replicato! Adoro i fiori di zucchine e mi ricordano tanto mamma (non per niente la prima ricetta del blog è uno dei miei piatti preferiti che mi faceva sempre lei, la Pizza con i fiori). Era il mese di maggio … è il mese di maggio e se il tempo ci concede un po’ di tregua, magari possiamo portarcelo fuori per qualche scampagnata, oppure per un pranzo veloce al lavoro. Voi ve lo mangereste un paninozzo così? ^_*

Ingredienti per la farfrittata
- 2C di farina di ceci
- birra vegan
- sale
- aglio in polvere
- pepe
- altre spezie a piacere
- fiori di zucchina
- olio evo

Ingredienti per il panino
- pane

Lavate delicatamente i fiori di zucchina e tagliateli a pezzetti. Nel frattempo preparate una pastella con la farina di ceci, le spezie e la birra. Ora aggiungete i fiori alla pastella e versate il composto in una padella con dell’olio caldo. Io la preferisco fina, cucina più velocemente ed è più gustosa e croccante.
Cucinate la farfrittata a fuoco basso o medio su entrambi i lati, quindi tagliatela a quadrotti della grandezza del panino. Tagliate il panino e spalmate su ogni lato del formaggio di mandorle aromatizzato con spezie a piacere, adagiate dei quadrotti di farfrittata e gustate. Semplice con pochi gusti decisi e ben distinti!



giovedì 23 maggio 2013

Golosità Vegane su Radio Capodistria – Puntata 16 – Vegan Cheesecake

video

Se non ce l’avete fatta ad ascoltarla in radio eccovi la sedicesima puntata di Golosità Vegane su Radio Capodistria.

In questa puntata facciamo la Vegan Cheesecake con il vegrino (per sapere come farlo vai qui). Di cheesecake ne ho già pubblicate parecchie: Tripla Veg-Cheesecake alla frutta, Vegan Cheesecake al mango, Veg-Cheesecake al cacao, Veg-Cheesecake di pere con top, provatele e poi fatemi sapere! ^_*

E poi c'è anche quella salata (Cheesecake agli spinaci), una delizia!!!

Come sempre vi chiedo di aiutarmi a crescere facendomi sapere che ne pensate … avete dei consigli? Cosa posso fare meglio? Grazie mille! ^_^


Vi ricordo ogni martedì alle 10.05 Golosità Vegane, collegatevi e poi mandatemi i vostri pareri!!! ^_^

La puntata va in contemporanea su Radio Capodistria e su TeleCapodistria, puoi vederla sul web a questo indirizzo:


Potete ascoltare Radio Capodistria nei seguenti modi:

Trasmissioni terrestri
Onde Medie  1170 Khz pari a metri 256,4
Modulazione di Frequenza: 97.7 – 103.1 – 103.6 Mhz Stereo RDS
Area servizio: Friuli Venezia Giulia, veneto, Istria, regione dell'alto e medio Adriatico. Durante le ore notturne grazie al fenomeno della propogazione delle onde herziane l'area del servizio si estende alle altre regioni del nord e centro Italia.

Satellite
Se possiedi un'antenna parabolica puntata sul satellite HOTBIRD il transponder è 12303 V sul pid audio 254 (trasmissioni in chiaro)
Area servizio : Europa

Web
Su internet puoi cliccare sulla nostra home page
clicca su »ascolta live«
sulla barra grigia clicca su "Nastavitve"
si apre Menù a discesa.
scegli "Nizka" e poi "Potrdite izbiro".

mercoledì 22 maggio 2013

Farfrittata alle erbe spontanee e birra

achillea, aglio, birra, erbe spontanee, farfrittata, farina di ceci, finocchietto, lievito alimentare in scaglie, maggiorana, potentilla, raccolta ricette, ricette vegan, Secondi,
Ve l’ho già detto che adoro le erbe spontanee? ^_*

Come vi dicevo il giorno dell’Incontro con le erbe spontanee ne ho raccolte diverse e ne ho fatto diversi piatti: salse, primi, secondi, contorni … sono una meravigliosa risorsa della terra e ti fanno venire tante idee … vi fornisco qualche idea sfiziosa, sono veramente molto versatili e gustose!

Ingredienti
- 2C di farina di ceci
- birra vegan
- sale
- aglio in polvere
- pepe
- maggiorana secca
- 1C di lievito alimentare in scaglie
- foglie fresche di potentilla
- achillea fresca
- finocchietto fresco
- olio evo
achillea, aglio, birra, erbe spontanee, farfrittata, farina di ceci, finocchietto, lievito alimentare in scaglie, maggiorana, potentilla, raccolta ricette, ricette vegan, Secondi,
Lavate con cura le erbe spontanee e tagliatele finemente al coltello.

Preparate una pastella con la farina di ceci, le spezie e la birra.
achillea, aglio, birra, erbe spontanee, farfrittata, farina di ceci, finocchietto, lievito alimentare in scaglie, maggiorana, potentilla, raccolta ricette, ricette vegan, Secondi,
Aggiungete alla pastella le erbe, mescolate bene e versate il composto in una padella dove avete messo a scaldare l’olio. Cucinate a fuoco basso magari anche con un coperchio per una decina di minuti, quindi voltate dall'altra parte per altri 10 minuti.

A me le farfrittate piacciono molto fine, se voi le volete più alte aumentate le dosi. ^_*
achillea, aglio, birra, erbe spontanee, farfrittata, farina di ceci, finocchietto, lievito alimentare in scaglie, maggiorana, potentilla, raccolta ricette, ricette vegan, Secondi,


Con questo articolo partecipo alla raccolta ‘Fitoalimurgia’ di ‘Passato tra le mani’. In questa ricetta ci sono   potentilla reptans, achillea millefolium e foeniculum vulgare.

martedì 21 maggio 2013

Frullato di fragole energetico

analcolico, Bevande, fragole, frullato, guaranà, ricette vegan, Salutiamoci, zenzero,
La meraviglia della frutta fresca in primavera e in estate, così colorata, succosa e invitante … quanto l’adoro!!!

Ingrediente nuovo: ho trovato il guaranà in polvere (fin’ora lo trovavo solo negli integratori) ed ho voluto provarlo. Non si scioglie bene e resta come della sabbia, all’inizio pensavo ai semini delle fragole poi è successo anche con le pere, da un sapore deciso ed è uno stimolante. Infatti contiene caffeina che da una leggera eccitazione e aumenta il metabolismo, quindi ha proprietà toniche, stimolanti, energizzanti e dimagranti. Voilà!
analcolico, Bevande, fragole, frullato, guaranà, ricette vegan, Salutiamoci, zenzero,
Ingredienti
- una decina di fragole
- succo d'arancia bio
- zenzero
- guaranà in polvere

Frullate, frullate, frullate! Niente zucchero se le fragole sono buone.
analcolico, Bevande, fragole, frullato, guaranà, ricette vegan, Salutiamoci, zenzero,

Questo frullato finisce diritto al blog di Nicole che questo mese ospita Salutiamoci con le fragole, con l’augurio di una vita felice! ^_*

giovedì 16 maggio 2013

Golosità Vegane su Radio Capodistria – Puntata 15 – Pomodori verdi fritti

video
Se non ce l’avete fatta ad ascoltarla in radio eccovi la quindicesima puntata di Golosità Vegane su Radio Capodistria.

Oggi parliamo di frittura, ebbene sì, anche noi vegani mangiamo i fritti! Sappiamo che alla salute non fanno bene ma una volta ogni tanto fanno tanto bene al palato e alle voglie! La ricetta l’ho già pubblicata, la trovate qui.

Come sempre vi chiedo di aiutarmi a crescere facendomi sapere che ne pensate … avete dei consigli? Cosa posso fare meglio? Grazie mille! ^_^


Novità
La puntata va in contemporanea su Radio Capodistria e su TeleCapodistria, puoi vederla sul web a questo indirizzo:


Vi ricordo ogni martedì alle 10.05 Golosità Vegane, collegatevi e poi mandatemi i vostri pareri!!! ^_^


Potete ascoltare Radio Capodistria nei seguenti modi:

Trasmissioni terrestri
Onde Medie  1170 Khz pari a metri 256,4
Modulazione di Frequenza: 97.7 – 103.1 – 103.6 Mhz Stereo RDS
Area servizio: Friuli Venezia Giulia, veneto, Istria, regione dell'alto e medio Adriatico. Durante le ore notturne grazie al fenomeno della propogazione delle onde herziane l'area del servizio si estende alle altre regioni del nord e centro Italia.

Satellite
Se possiedi un'antenna parabolica puntata sul satellite HOTBIRD il transponder è 12303 V sul pid audio 254 (trasmissioni in chiaro)
Area servizio : Europa

Web
Su internet puoi cliccare sulla nostra home page
clicca su »ascolta live«
sulla barra grigia clicca su "Nastavitve"
si apre Menù a discesa.
scegli "Nizka" e poi "Potrdite izbiro".

mercoledì 15 maggio 2013

Pasta AOP e pomodoro

Adoro il pomodoro secco! Se penso che sono pochi anni che lo mangio penso a che delizia mi sono persa!!! Così lo aggiungo spesso a diverse preparazioni (soprattutto nelle farfrittate) per dare gusto e carattere. Questa volta l’ho aggiunto ad un classico ed è venuto proprio una meraviglia, provate, non ve ne pentirete!

Ingredienti per 2 persone
- 140g di spaghetti semi integrali
- olio evo
- 1 spicchio d’aglio o aglio in polvere
- peperoncino fresco o secco
- 4-5 pomodori secchi
- concentrato di pomodoro
- farina di riso e mais
- sale

Tritate l’aglio e mettetelo in padella con l’olio, il peperoncino ed i pomodori secchi tagliati a pezzettini piccoli. Lasciateli in padella senza accendere il fuoco ad amalgamare i sapori intanto che mettete l’acqua sul fuoco e cucinate gli spaghetti in acqua salata.

Un minuto prima di scolare gli spaghetti accendete il fuoco al minimo. Quando gli spaghetti sono al dente li prendete e li mettete in padella con un po’ della loro acqua di cottura e fate andare a fuoco vivo. Intanto ci mettete anche un po’ di concentrato di pomodoro che sciogliendosi dona colore e cremosità.
Quando gli spaghetti si sono colorati ed hanno preso tutto il sapore, impiattate. Già così sono perfetti ma volendo ci potete mettere sopra anche una spolverata di farine di mais e riso passate nella padella sporca di condimento e leggermente tostate e salate.


martedì 14 maggio 2013

Pesto di achillea e pesto di potentilla

achillea, aglio, Conserve, lievito alimentare in scaglie, mandorle, okara, pane, pasta, pesto, potentilla, Preparazioni di base, raccolta ricette, ricette vegan, scalogno,
All’Incontro con le erbe spontanee di aprile vi avevo detto che ho fatto scorta di erbe spontanee, sia raccolte intorno a casa di Tamara e Rodrigo, sia prese dal loro giardino. Ho cercato la potentilla perché qualche giorno prima me l’avevano servita in insalata in un ristorante, insieme a tantissime altre erbe spontanee che non sono riuscita ad individuare (a parte l’edera terrestre grazie a Tamara) e mi era piaciuta talmente tanto che me ne sono innamorata!

Con tutte le erbe raccolte ho fatto diverse cose, per primi posto i due tipi di pesto, fatti allo stesso modo, deliziosi veramente. Io preferisco quello di potentilla (ma va?) ma sono comunque buonissimi entrambi! Ad un pranzo tra amici li ho tirati fuori dalla credenza e … sono spariti! ^_*

Ingredienti
- scalogno
- spicchio d’aglio
- olio evo
- sale
- lievito alimentare in scaglie

- foglie fresche di potentilla
- achillea fresca

Se avete voglia di usare il mortaio meglio, altrimenti mettete tutto in un frullatore usando o la potentilla o l’achillea, così sentite proprio il loro sapore. Altrimenti vanno bene anche insieme!

Ottimi nella pasta (ho trovato la pasta semi integrale, meravigliosaaaaaaaaaa!!!) ed anche sopra il pane … sono tipo le ciliegie, una fetta tira l’altra! ^_*
achillea, aglio, Conserve, lievito alimentare in scaglie, mandorle, okara, pane, pasta, pesto, potentilla, Preparazioni di base, raccolta ricette, ricette vegan, scalogno,

Con questo articolo partecipo alla raccolta ‘Fitoalimurgia’ di ‘Passato tra le mani’. In questa ricetta ci sono  achillea millefolium e potentilla reptans.

lunedì 13 maggio 2013

Raw-Cheesecake di fragole

Ho preparato questo dolcetto crudista, una cheesecake vegan e raw, in occasione di un pranzo a casa mia con ospiti speciali: i miei amici! ^_^

Ci sono rimasti un po’ male che era piccolina … in effetti ne ho fatta poca … pensavo di non esagerare con un dolce così calorico a fine pasto … invece hanno avuto ragione a dirmene 4, visto che è finito in un attimo e tutti ne avremmo mangiata volentieri un’altra fetta … prometto che la prossima volta che la farò sarà enorme! ^_*

Ingredienti per la base
- 3 datteri
- una manciata di mandorle
- 1C di semi di sesamo
- 1C di olio evo

Ingredienti per la crema
- 200g di anacardi
- 4 fragole + 5 per la decorazione
- sale integrale

Ingredienti per la salsa
- 5 fragole
- menta fresca

Per la base frullate per bene tutti gli ingredienti (le quantità dipendono dalla grandezza della base e da quanto alta la volete), mettete l’impasto sul piatto da portata dentro il coppapasta che serve per dare la forma al dolce. Mettete in frigo.

Per la crema mettete gli anacardi, coperti da acqua, in frigo per tutta la notte (qui la ricetta del formaggio salato di anacardi), quindi frullateli senza l’acqua, aggiungete le fragole fresche ed un pizzico di sale per esaltare i sapori e frullate ancora, verificate quanto risulta morbida la crema, se serve aggiungete un goccio dell’acqua di ammollo, altrimenti va bene così. Versate la crema sopra la base e lasciate in frigo (se la crema è troppo morbida potete anche mettere il dolce in freezer per una decina di minuti).
Per la salsa frullate le fragole con qualche foglia di menta fresca (che mi ha portato Tamara dal suo giardino). Al momento di servire tagliate le fragole per la decorazione a metà e disponetele sopra la cheesecake e versate sopra la salsa di fragole. Noi l’abbiamo mangiata con della panna dolce autoprodotta.

Se le fragole sono belle gustose non serve aggiungere un dolcificante, visto che anche gli anacardi sono dolcetti di loro. Se invece lo preferite più dolce potete aggiungere un dolcificante a piacere, anche se vi consiglio sempre la frutta secca per addolcire.


Questo dolcetto finisce diritto al blog di Nicole che questo mese ospita Salutiamoci con le fragole, con l’augurio di una vita felice! ^_*

Che ne dite, può andare bene anche per una torta di compleanno? Allora ecco il dolcetto per Cristina di Germogli di soia per il suo blog-compleanno! Affrettatevi che scade il 15 maggio!!!
Infine, visto che è ancora lunedì, partecipo anche alla raccolta 100% Vegetal Monday della Capra, una bella iniziativa per diminuire l'impatto del consumo di carne, mangiando una volta alla settimana tutto completamente vegetale (almeno una aggiungo io ... meglio sempre!). *_^


Aggiornamento del 12.06.13: con questa ricetta partecipo al concorso La Rivoluzione della Forchetta Vegan di The China Study.

giovedì 9 maggio 2013

Insalata di fave, daikon e batata

batata, Contorni, crudista, daikon, fave, gomasio, insalata, lattuga, limoni, raw, Raw Food, ricette vegan, semi girasole, semi sesamo nero,
Ho scoperto il daikon e lo adoro!!! Un mega ravanello dalla forma di una carota bianca (poi c’è anche la versione verde) e dal sapore molto leggero, ricco di vitamina C, ha proprietà diuretiche, drenanti, depurative e udite udite: sembra che sia un ottimo nemico del grasso in eccesso! Viene usato crudo in insalata, in zuppe e in decotti o tisane. Ecco una delle mie versioni con il daikon crudo! Quindi donne, via con il daikon! ^_^

La batata invece viene usata spesso cotta, come se fosse una patata, anche se non lo è, io l’ho provata cruda (come spiego nella ricetta del Pasticcio di batata, dove parlo anche delle sue proprietà) e la preferisco alla versione cotta!

Le fave, ricche di minerali e di vitamine del gruppo B e C, aumentano il livello di dopamina nel sangue se consumate crude ma attenzione, c’è anche chi soffre di favismo!

Ingredienti
- lattuga
- fave fresche
- daikon
- batata
- semi di girasole
- limone
- olio evo

Lavate accuratamente la lattuga e tagliatela a pezzetti. Sgusciate le fave. Pelate il daikon e tagliatelo a pezzetti piccoli. Sbucciate la batata e tagliatela fina e passatela nel succo di limone visto che ossida subito. Volendo potete anche pensare di marinarla per una notte nel succo di limone o nel succo d’arancia.

Impiattate tutto e condite con l’olio, altro limone, del gomasio nero per l’effetto cromatico e con dei semi di girasole leggermente tostati.

Se non tostate i semi e usate sale al posto del gomasio questa insalata è totalmente raw. ^_^
batata, Contorni, crudista, daikon, fave, gomasio, insalata, lattuga, limoni, raw, Raw Food, ricette vegan, semi girasole, semi sesamo nero,

mercoledì 8 maggio 2013

Golosità Vegane su Radio Capodistria – Puntata 14 – Panzanella con lenticchie

video

Se non ce l’avete fatta ad ascoltarla in radio eccovi la quattordicesima puntata di Golosità Vegane su Radio Capodistria.

Oggi facciamo insieme la panzanella, nella mia versione ovviamente, con le lenticchie! La ricetta l’ho già pubblicata, la trovate qui.

Come sempre vi chiedo di aiutarmi a crescere facendomi sapere che ne pensate … avete dei consigli? Cosa posso fare meglio? Grazie mille! ^_^


Novità
La puntata va in contemporanea su Radio Capodistria e su TeleCapodistria, puoi vederla sul web a questo indirizzo:


Vi ricordo ogni martedì alle 10.05 Golosità Vegane, collegatevi e poi mandatemi i vostri pareri!!! ^_^


Potete ascoltare Radio Capodistria nei seguenti modi:

Trasmissioni terrestri
Onde Medie  1170 Khz pari a metri 256,4
Modulazione di Frequenza: 97.7 – 103.1 – 103.6 Mhz Stereo RDS
Area servizio: Friuli Venezia Giulia, veneto, Istria, regione dell'alto e medio Adriatico. Durante le ore notturne grazie al fenomeno della propogazione delle onde herziane l'area del servizio si estende alle altre regioni del nord e centro Italia.

Satellite
Se possiedi un'antenna parabolica puntata sul satellite HOTBIRD il transponder è 12303 V sul pid audio 254 (trasmissioni in chiaro)
Area servizio : Europa

Web
Su internet puoi cliccare sulla nostra home page
clicca su »ascolta live«
sulla barra grigia clicca su "Nastavitve"
si apre Menù a discesa.
scegli "Nizka" e poi "Potrdite izbiro".



martedì 7 maggio 2013

Cupcake all’arancia con panna e platano

Terza e ultima ricetta dall’Incontro delle erbe spontanee, ora siamo arrivati al dolce! Volevo fare un’ultima volta il Torta all’arancia versione cupcake, prima che finissero le arance e le ho farcite con il platano versione dolce: tagliato a pezzetti piccoli risulta molto gradevole! ^_^

Ingredienti per 16 cupcake
- 180g di farina 2
- 45g fecola
- 13g di lievito
- ½ banana
- 100g di olio evo
- 60g di malto d’orzo
- 60g di zucchero muscobado
- un pizzico di sale
- 150ml di spremuta d’arancia
- semi di papavero
- melissa secca

Mescolate bene gli ingredienti, infornate a 180° per 12-14 minuti (io li ho tenuti un po' di più e si sono un po' scuriti). Quando cotti fateli raffreddare, quindi scavate nella parte centrale del dolcino per mettere il ripieno.
Ingredienti per ripieno e copertura
- panna dolce
- ½ platano
- 1 arancia
- melissa fresca
- zucchero di canna grezzo
- olio evo

Tagliate il platano a pezzetti piccoli e cucinatelo con un goccio di olio, dello zucchero di canna, la melissa fresca tagliata fina e la spremuta dell’arancia, aggiungete dell’acqua e fate cucinare per una decina di minuti. 

Inserite il ripieno nei cupcake, coprite con la panna dolce e qualche altro pezzetto di platano.

Con queste mini torte faccio gli auguri a Cristina di Germogli di soia per il suo blog-compleanno!

Con questo articolo partecipo alla raccolta ‘Fitoalimurgia’ di ‘Passato tra le mani’. In questa ricetta ci sono i semi di papavero (Papaver somniferum L.) e la Melissa officinalis.

sabato 4 maggio 2013

Polpettone di pane rosa ripieno

(ribattezzato polpettone di prosciutto vegan ripieno di scamorza di mandorle)alloro, cavolo rosso, cipolle, forno, incontri, mandorle, polpettone, pomodori secchi, scamorza, Secondi, sedano, seitan,
Tutto è partito dal voler usare l’acqua di cottura del cavolo rosso, acqua diventata viola e congelata, da usare per colorare le preparazioni. Volevo fare un pane per l'incontro veg del mese ma il pane ormai è un must di Tamara ... è che avevo del pane in freezer, freezer che stava scoppiando (chiedete a chi l’ha visto … preoccupante, non ci entra più neanche un lampone!). Così ho pensato alle polpette … troppo lavoro. Ok dai, faccio un polpettone, lo faccio viola! Prendo il pane e lo metto a bagno nell’acqua colorata, solo che invece di viola esce rosa e l’effetto finale è proprio inquietante, sembra di prosciutto, sembra vero … per fortuna il sapore no, quello sa di buono! ^_*

Ingredienti
- 350g di pane raffermo di farina 2 (semi integrale)
- acqua di cottura del cavolo rosso
- 2 salsicce di seitan
- ½ cipolla
- ½ sedano
- 2 foglie grandi secche di alloro 
- pomodorini secchi
- olio evo

Mettete il pane a mollo nell’acqua di cottura del cavolo viola per qualche ora.

Frullate le salsicce di seitan, aggiungete il pane e frullate ancora, aggiungete pomodorini, cipolla e sedano tagliati fini e le foglie di alloro sbriciolate, mescolate per bene, non servono altre spezie ma se lo desiderate aggiungetene altre a piacere.
alloro, cavolo rosso, cipolle, forno, incontri, mandorle, polpettone, pomodori secchi, scamorza, Secondi, sedano, seitan,
Stendete l’impasto su carta forno, mettete in mezzo della scamorza di mandorle, arrotolate e lasciate in frigo a compattarsi per un’oretta.

Io ho tolto la carta forno ed in cottura si è un po’ schiacciato, se lo volete cilindrico cominciate la cottura ancora in forma con la carta forno. Mettete in forno per 30 minuti a 170°, su una teglia con un filo d’olio, dopo 20 minuti girate sull’altro lato che si forma una magnifica crosticina su entrambi i lati. Fate intiepidire, gustate! ^_^
alloro, cavolo rosso, cipolle, forno, incontri, mandorle, polpettone, pomodori secchi, scamorza, Secondi, sedano, seitan,


Con questo articolo partecipo alla raccolta ‘Fitoalimurgia’ di ‘Passato tra le mani’. In questa ricetta c'è l'alloro (Laurus nobilis L.).

mercoledì 1 maggio 2013

Focaccia di miglio e ceci alle verdure (gluten free)

Direttamente dall’Incontro delle erbe spontanee eccovi la prima ricetta. Per questa ho utilizzato per la prima volta la farina di miglio che mi ha portato Alessandra proprio per fare qualcosa al forno (che lei non ha) per questo incontro. Non avendola mai usata ho provato a fare una focaccia completamente senza glutine.

Ingredienti
- 300g farina di miglio
- 200g farina di ceci
- 7g di lievito
- sale
- pepe bianco
- aglio in polvere
- erba cipollina fresca
- salvia fresca
- 350ml di latte di riso
- 200ml di latte di soia
- 350g tra carote e zucchine tritate
- goccio di olio evo
- farina di riso
- farina di mais

Tritate le verdure. Mescolate le farine, il lievito, le spezie e le erbe tagliate fini, quindi aggiungete il latte vegetale (anche solo di un tipo) mescolando bene. Quindi aggiungete le verdure.

Oliate una teglia, versate il composto, spolverizzate con farina di riso e mais, infornate a 220° per 25 minuti e poi a 180° per altri 15 minuti.

Quando fredda tagliate a fette ed usatela per spalmarci sopra delle salsine golose! ^_*


Con questo articolo partecipo alla raccolta ‘Fitoalimurgia’ di ‘Passato tra le mani’. In questa ricetta c'è l'erba cipollina (Allium schoenoprasum) e la Salvia officinalis.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...