lunedì 15 aprile 2013

Gnocchi di zucca al tartufo ripieni

È arrivata la primavera finalmente!!! Questi tre giorni di sole mi hanno messo una gioia incredibile, adoro la primavera, le sue temperature, i colori, l’aria frizzante, il tempo pazzerello, il sole dopo il tanto freddo … la mia stagione preferita! ^_^

La zucca è in conclusione, c’è giusto qualche rimasuglio, l’avevo presa per fare l’uovo finto per il casatiello a Pasquetta, poi me ne sono dimenticata … così l’ho utilizzata per queste delizie, usando l’altro tartufo ricevuto in regalo a Natale (l’altra ricetta con i tartufi le crêpes).

Ingredienti
- zucca
- farina 2
- panna di soia
- ½ tartufo
- olio al tartufo
- sale
- aglio in polvere
- olio evo

Per prima cosa preparate la mozzarella di mandorle (va bene anche la mozzarella vegan classica), abbastanza compatta, così si può usare come ripieno.

Fate gli gnocchi di zucca usando solo zucca, farina, acqua e sale. Non mettete troppa farina altrimenti vi escono duretti.

Prendete una parte del composto, fate una pallina, premete al centro per ricavarne uno spazio dove mettere un pezzetto di mozza, chiudete bene.
Tuffate gli gnocchi in acqua bollente salata, state solo attenti che se gli gnocchi sono troppo morbidi, per non rovinarli, conviene tenere la fiamma non al massimo.

Intanto che gli gnocchi cuociono mettete un filo d’olio in padella con la panna e l’aglio, amalgamate bene, se volete aggiungete anche due gocce di olio all’aroma di tartufo.

Scolate gli gnocchi con una schiumarola, metteteli in padella e fateli rotolare per prendere bene il sughetto, servite con del gomasio.


18 commenti:

  1. Oddioc he voglia compulsiva di sapore tartufato che mi hai messo addosso :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah quanto ti capisco!!! Alle volte apro l'olio solo per sentirne il profumo! ^_*

      Elimina
  2. oddio aleee!!! ma questi sono, sono....non so, non mi vengono nemmeno le parole! però li voglio!

    RispondiElimina
  3. Ciao Ale! Sono Antonella...sono ritornata con un nuovo blog! Ciao :)

    RispondiElimina
  4. Sono proprio belli! E devosno essere strabuoni! I miei complimenti Miss Ale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Leti!!! Sono buoni infatti, golosi! ^_*

      Elimina
  5. congratulazioni tesorella, sei una dei vip! questo non è un premio ma un riconoscimento per i miei blog preferiti. tu sei tra questi. da oggi sei ufficialmente Betty approved! (maggiori info qui:http://elisabettapendola.com/2013/04/15/intermezzo-melodrammatico/ )- ti conferisco il fiocco lo puoi appuntare dove ti pare (anche in bagno) ;) ce l'ha anche Imma di DolciAGoGo nella sidebar e altre star! : http://elisabettapendola.files.wordpress.com/2013/04/betty1_02.png?w=600

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisabetta, vengo a vedere! ^_^

      Elimina
  6. Zucca e tartufo e' un abbinamento che mi piace moltissimo e trovo speciale il discorso del ripieno :)

    Ps. La primavera e' una delle mie stagioni preferite ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cami, anche a me piace molto e mi è sempre piaciuta l'idea di riempire gli gnocchi, qui c'è la versione dolce che è gustosissima (gnocchi de susini)!
      W la primavera! ^_*

      Elimina
  7. ciao Ale-bimbi !!!
    sei una ferrari in cucina!!!!

    devo provarli...ho notato la precisione con la quale hai centrato il ripieno!!! sono perfetti!!!
    ho fato la mozza di mandorle però è venuta molto dolce...nella pizza rende molto perchè l'acidità del pomodoro fa esaltare il suo gusto....secondo te si deve al tipo di mandorle?

    questa sera devo ultimare la mozza di mandorle ma utilizzando l'okara del mio latte di mandorle...ti faro sapere!!!

    Paula

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeeeeeeee!!!
      Le mandorle sono in effetti dolcette anche se poi mettendo del sale non si percepisce più, io non sento tanto questa dolcezza come nel formaggio di anacardi, quello sì che è dolce!
      Mi piace questa sperimentazione che farai, fammi sapere! ^_^

      Elimina
    2. Ciao Ale,

      ho fatto la mozza con l'okara pero devo dire che è venuta un pò farinosa per via del tipo di okara...

      ALE dall'alto della tua consapevolezza culinaria...ho lasciato per errore il latte di soia dentro alla soyabella tutta la notte e parte del giorno ma quando ho voluto imbottigliarla aveva la consistenza dello yogurt....che cosa è successo chimicamente??.. ha un gusto meno acido dello yogurt...direi molto buono...

      Paula

      Elimina
    3. Paula ipotizzo che si sia cucinata troppo, non credo faccia male, se poi è pure buona ... ^_*

      Elimina
  8. Mi ha sempre incuriosito la cucina vegana :)
    Ti seguo volentieri
    A presto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Erika, mi fa piacere che ti incuriosisca la cucina vegan, ho visto il tuo blog: ci sono tanti bei dolci! ^_*

      Elimina

La tua opinione è importante per me ed i tuoi commenti mi aiutano a migliorare, grazie per il tempo che mi dedichi.
Se commenti con Anonimo è gradito il nome, mi piace sapere con chi parlo! ^_^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...